CONSIGLIO COMUNALE DEL 29 SETTEMBRE 2020

Martedì 29 settembre si è svolto a Desenzano un importante Consiglio Comunale, necessario a completare le variazioni di bilancio conseguenti alla gestione dall'emergenza COVID e ad approvare i piani di gestione e le tariffe di IMU e TARI, che da sole valgono per le casse comunali quasi 20 milioni di Euro, il tutto da approvare tassativamente entro il 30 settembre. La storia di questo Consiglio parte in salita quando poche ore prima della Conferenza dei Capigruppo il Presidente del Consiglio ne annuncia la revoca e il rinvio a data da destinarsi, mettendo però in questo modo a serio rischio il rispetto dei tempi previsti dal regolamento per la convocazione del Consiglio e quindi la scadenza del 30 settembre per l'approvazione delle delibere.

Data l'urgenza e l'impossibilità di rinviare la seduta in qualità di Vice Presidente Andrea Spiller Consigliere M5S ha provveduto, sentiti gli organi competenti, a svolgere ugualmente la prevista Conferenza dei Capigruppo e a convocare il Consiglio Comunale per garantire il rispetto delle scadenze e scongiurare gravi conseguenze per la nostra città.

Durante la seduta del Consiglio siamo poi intervenuti su alcuni punti:

- in merito all'aggiornamento dell'Elenco Opere Pubbliche abbiamo nuovamente ribadito, come già fatto durante il Consiglio precedente, come la soluzione attualmente prevista per la realizzazione della nuova strada secondaria di accesso all'ospedale di Desenzano, del valore di 1.250.000 Euro, risulti secondo noi totalmente inadeguata alla risoluzione del problema di accesso nei momenti di forte congestione del traffico su Viale Marconi. Abbiamo richiesto che su questo progetto si sviluppi un dibattito e si riveda la soluzione proposta considerando soluzioni alternative che garantiscano una maggiore efficacia. Torneremo sicuramente su questo argomento prossimamente. - siamo poi intervenuti in merito al nuovo PEF per la raccolta dei rifiuti, riportando quanto abbiamo avuto modo di apprendere in sede di Commissione su nostra specifica domanda, per quanto riguarda l'introduzione di un sistema di tariffazione puntuale il quale, se pur non ancora in questo piano di gestione, verrà prossimamente introdotto in fase sperimentale, aprendo la strada ad un cambiamento che chiediamo e auspichiamo ormai da anni, che dovrebbe consentire, se correttamente attuato, di premiare quei cittadini che si impegnano a svolgere correttamente la raccolta differenziata e stimolare coloro che ancora non lo fanno a separare correttamente i rifiuti. Crediamo sia giunto il momento di affrontare definitivamente e improrogabilmente questa questione per dotare la nostra città di un sistema di tariffazione moderno e più equo.

A maggio abbiamo presentato all'Amministrazione un documento con alcune proposte per supportare le attività in difficoltà in questa fase di crisi, alcune di queste sono state accolte ed attuate, per esempio la riduzione della TARI per le attività che sono state costrette a chiudere a causa del Lockdown, l'azzeramento del canone per l'occupazione del suolo pubblico anche grazie ai contributi statali, e i fondi per l'acquisto di materiale per la sanificazione. Non bisogna però considerare esaurita e superata la fase di crisi, che sicuramente tornerà a farsi sentire una volta chiusa la bella stagione, essendo venute meno le entrate dei mesi primaverili. Sarà quindi determinante prevedere per i prossimi mesi ulteriori interventi e strumenti a supporto delle attività e dei cittadini in difficoltà.

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti