TUTELIAMO I CITTADINI ATTIVI PER LA COLLETTIVITA'!

Il fatto riportato nell'articolo, avvenuto pochi giorni fa, sta facendo molto discutere.

Non è chiaro se le motivazioni di tale scelta da parte dell'Amministrazione siano davvero esclusivamente tecniche e dovute a ragioni di sicurezza, oppure se derivino in parte dai fatti che hanno portato al sequestro e quindi chiusura del tratto di spiaggia tra il parcheggio Maratona e la darsena Lepanto.

In quest'ultimo caso si tratterebbe di un fatto decisamente sgradevole, una sorta di ritorsione verso cittadini che gratuitamente da anni spendono il proprio tempo libero per occuparsi della pulizia del nostro territorio, che avrebbero la sola colpa di aver portato alla luce i problemi del nuovo tratto di passeggiata a lago inaugurato solo pochi mesi fa.


Ma a prescindere da questo, resta il fatto che le iniziative spontanee da parte dei cittadini a favore della collettività andrebbero in tutti i modi sostenute e stimolate, e non ostacolate.

A tal proposito alcuni mesi fa in Consiglio Comunale abbiamo approvato il Regolamento per i Patti di Collaborazione tra cittadini e Comune, che aveva proprio l'obiettivo di stimolare e sostenere le iniziative spontanee e i progetti proposti della cittadinanza e rivolti alla tutela e cura del patrimonio pubblico comunale.

L'esistenza di questo regolamento e del riconoscimento ufficiale di tali iniziative dovrebbe servire a semplificare e rendere più snello il rapporto tra gli uffici comunali e i gruppi di cittadini interessati, per favorire, mettendo a disposizione dove possibile anche strumenti e risorse, tutte quelle iniziative spontanee di interesse collettivo.


Auspichiamo quindi che l'Amministrazione, una volta chiarite le motivazioni dello sgombero improvviso, si attivi per mettere a disposizione di questo gruppo di cittadini, e degli altri che potrebbero formarsi in futuro, tutte le risorse e gli spazi necessari allo svolgimento delle attività di interesse collettivo, che già svolgono.

Una città in cui ogni cittadino può attivarsi in prima persona per migliorare la qualità dell'ambiente che lo circonda e in cui vive non può che essere una città migliore!



1 visualizzazione0 commenti