STAZIONE TAV DEL GARDA, L'ENNESIMO SFREGIO! 🚆🚫

Da anni ci battiamo per dire NO ad un opera inutile come la linea TAV Brescia-Verona, doppione di un tracciato ferroviario esistente e funzionante, i cui cantieri stanno già dimostrando in questi mesi gli effetti devastanti sul nostro territorio.

Ancora più senza senso è tuttavia la proposta di realizzare su questo tratto di linea una stazione, a metà strada tra quelle già esistenti di Brescia e Verona distanti tra loro poche decine di chilometri, rendendo di fatto inapplicabile il concetto stesso di Alta Velocità.


Una stazione TAV a meno di 30 km da altre stazioni è un gigantesco controsenso tecnico, oltre che un enorme spreco di denaro pubblico. Eppure i vari portatori di interesse e una parte di politica che a tutti i livelli in questi mesi si è prodigata in tale direzione sono riusciti ancora una volta ad ottenere quanto desiderato, al di là di ogni logica tecnico-economica.

La notizia di questi giorni dello stanziamento da parte del CIPESS di 35 milioni di Euro per la progettazione e l'inizio dei cantieri per la stazione TAV del Basso Garda rappresenta infatti l'ennesimo sfregio ad un territorio che sta già pagando un carissimo prezzo per i cantieri della nuova linea ferroviaria in corso ormai da alcuni anni.


La nuova stazione che si intende costruire, in un'area compresa tra la periferia di Rivoltella e la Torre di San Martino dove attualmente ci sono solamente vigneti e qualche cascina, è destinata a diventare una enorme e costosa cattedrale nel deserto, senza collegamenti con il tessuto urbano, priva dei servizi necessari, difficile da raggiungere per turisti e pendolari, utile solamente a creare i presupposti per una nuova urbanizzazione (o speculazione edilizia) in quell'area della nostra città rubando e distruggendo per sempre enormi porzioni di terreno agricolo.

Un'altra inevitabile conseguenza sarà lo spostamento totale e definitivo dei pochi treni Frecciarossa ad alta velocità che attualmente percorrono e fermano lungo la linea storica e che consentono a turisti e pendolari di raggiungere velocemente le grandi città del Nord Italia.


Lo ribadiamo ancora una volta, la Stazione del Garda esiste già, ce ne sono ben due Desenzano e Peschiera, hanno tutte le caratteristiche per essere funzionali ed efficienti nell'accogliere turisti provenienti da tutta Europa e consentire ai pendolari di raggiungere comodamente ogni giorno le grandi città.

Bisogna fare in modo che i treni AV fermino in queste stazioni e la loro frequenza venga aumentata, non sistematicamente ridotta come accaduto in questi ultimi anni.


Nelle campagne di San Martino vogliamo vedere campi coltivati, vigneti, piste ciclabili e spazi verdi a disposizione dei cittadini, non l'ennesima grande opera inutile che non porterà turismo e sviluppo, ma solo ulteriore distruzione di un territorio già martoriato.





2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti