SERVIZIO IDRICO, QUANTO MI COSTI?! 💧💸

In questi ultimi mesi tantissimi cittadini avranno avuto a che fare con spiacevoli e poco gradite sorprese ricevendo le consuete bollette del servizio idrico da parte di Acque Bresciane, riscontrando importi complessivi spesso molto maggiori rispetto a quelli a cui erano abituati.

Non stiamo parlando di piccoli aumenti, ma in molti casi di veri e propri salassi, con cifre che hanno raggiunto diverse centinaia di Euro a bolletta e che hanno generato stupore e incredulità in moltissimi utenti.


Quanto si è verificato deriva dall'intervento con cui ARERA (Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente) ha introdotto, a livello nazionale, la nuova articolazione tariffaria applicata agli utenti del servizio idrico integrato (TICSI). L'Ufficio d'Ambito di Brescia ha poi recepito e adottato tali modifiche che ora tutti i gestori del territorio devono applicare.

In particolare la delibera ARERA prevede l'applicazione delle nuove tariffe sui consumi effettuati fin dal 1° gennaio 2018, mentre la riscossione con conguaglio in bolletta avviene dal 1° gennaio 2021.

Quindi in sostanza una parte dell'aumento è effettivamente dovuto ad un incremento della tariffa, in funzione anche del numero di componenti del nucleo familiare in base al nuovo criterio di ARERA, mentre una parte è dovuto al recupero retroattivo di tale incremento di tariffa relativamente alle annate 2020, 2019 e 2018.

Dalla somma di queste due componenti derivano le bollette astronomiche che gli utenti si sono trovati a dover pagare in questi ultimi mesi.


Ora, mentre la quota di recupero retroattivo si esaurirà con le bollette di quest'anno, resterà per gli anni successivi la parte di aumento dovuta al cambio del sistema tariffario, soprattutto per i nuclei famigliari meno numerosi. L'acqua continuerà quindi per molti a costare di più rispetto al passato.

La tariffa potrebbe poi crescere ulteriormente nei prossimi anni nella misura in cui serviranno risorse per finanziare opere e progetti rilevanti di ammodernamento della rete e dei sistemi di depurazione, per esempio per il nuovo depuratore del Garda.


Nell'immediato tuttavia ciò che maggiormente preoccupa è la condizione di difficoltà in cui si trovano moltissimi cittadini e famiglie, che si sono visti recapitare bollette con cifre assolutamente impreviste e in alcuni casi fuori portata, in un momento in cui a questo aumento si sommano incrementi rilevanti anche nelle bollette di energia elettrica e gas.


Chiediamo all'Amministrazione e all'ente gestore di dare il massimo supporto ai cittadini che si sentono spaesati e vessati, innanzitutto fornendo informazioni chiare e semplici, comprensibili a tutti, poi venendo incontro a coloro i quali non sono nelle condizioni di affrontare nell'immediato determinati importi di spesa.



3 visualizzazioni0 commenti