POMERIGGIO DI FOLLIA A DESENZANO!

Abbiamo ricevuto in queste ore diverse segnalazioni in merito a quanto accaduto oggi pomeriggio in Piazza Matteotti a Desenzano, dove i tanti cittadini che passeggiavano godendo del sole primaverile hanno potuto assistere ad un vero e proprio "comizio negazionista", sembrerebbe regolarmente autorizzato, durante il quale alcuni soggetti si sono alternati al microfono illustrando ai passanti le proprie convinzioni negazioniste, invitando a non pagare le multe per le violazioni alle regole anti-COVID e a boicottare la campagna vaccinale.

Tutto questo ha ovviamente provocato inevitabili assembramenti, circa 40-50 persone, molte delle quali senza mascherina e incuranti del distanziamento.

Troviamo quanto accaduto estremamente irrispettoso nei confronti dei tanti cittadini che da ormai più di un anno sono sottoposti a forti limitazioni della propria libertà individuale a causa della grave situazione di emergenza sanitaria, ma ancora di più nei confronti delle tante attività che sono state costrette a chiudere, alcune definitivamente, o a ridimensionare fortemente il proprio lavoro per adeguarsi alle direttive imposte al fine di limitare il più possibile la diffusione del virus.


Questo accade proprio alla vigilia dell'ingresso della nostra regione in zona rossa, che comporterà da domani l'inasprimento delle già rigide misure restrittive a causa dell'aumento costante dei contagi e dei ricoveri in ospedale, che vedono la nostra provincia in particolare tra le più colpite d'Italia.


Ci stupiamo e restiamo increduli nel pensare a come sia possibile autorizzare iniziative di questo genere mentre nei parchi vengono recintati i giochi dei bambini, mentre vengono chiuse le scuole e gli asili, mentre non sarà possibile fare visita a parenti ed amici per settimane.


Auspichiamo che simili circostanze non si verifichino più e che ci sia da parte di tutti un maggior rispetto e una maggiore consapevolezza in merito alla gravità della situazione che da oltre un anno stiamo attraversando, e che difficilmente si risolverà fino a quando una parte delle popolazione insisterà ad avere atteggiamenti come quelli che abbiamo descritto.



41 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti