CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 NOVEMBRE 2020

Lunedì 9 novembre si è svolto il Consiglio Comunale a Desenzano, il primo in modalità videoconferenza quindi da remoto, per rispettare quanto imposto dai recenti DPCM e dalle attuali norme di sicurezza (LINK REGISTRAZIONE).

Nonostante qualche piccolo problema tecnico la seduta si è svolta regolarmente, consentendo sia il voto che gli interventi sui vari punti in discussione analogamente a quanto avviene in condizioni normali.


Tanti i temi trattati, su alcuni di questi siamo intervenuti per portare il nostro punto di vista:

- in merito all'aggiornamento dell'ELENCO OPERE PUBBLICHE la discussione si è concentrata principalmente sul progetto per la realizzazione della nuova scuola media che sostituirà l'attuale Catullo, almeno per alcuni anni, opera del valore complessivo pari a 7 milioni di Euro, dei quali oltre 4 milioni verranno erogati dallo Stato attraverso un apposito bando regionale.

progetto_scuola
.pdf
Download PDF • 7.63MB

Crediamo che impegnare fondi per ammodernare o costruire spazi dedicati all'istruzione e alla cultura dei nostri giovani sia un ottimo investimento, ancora di più se buona parte di questi soldi provengono da contributi esterni senza quindi appesantire eccessivamente le casse comunali.

Tuttavia questo progetto non è privo di criticità, in particolare per quanto riguarda la localizzazione nell'area verde all'incrocio tra via Michelangelo e via Dugazze a Rivoltella, tratta fondamentale per il collegamento tra i due centri abitati, e di conseguenza molto trafficata durante tutto l'arco della giornata, situazione che potrebbe aggravarsi e diventare critica con l'inserimento del nuovo polo scolastico.

A tal proposito abbiamo proposto quantomeno di valutare lo spostamento dell'ingresso principale dell'istituto, previsto attualmente in corrispondenza della rotonda in via Michelangelo, sul lato est dell'area ovvero su via Dugazze, sicuramente meno trafficata e quindi più sicura ed accessibile per il transito pedonale degli studenti.

Da un punto di vista più generale ciò che è sicuramente mancato in questi mesi è stato un confronto ed un dibattito sulla scelta di tale location che avrebbe invece potuto favorire l'individuazione di possibili soluzioni alternative in altre parti del nostro territorio.

Si è parlato inoltre dell'ipotesi, emersa in sede di commissione in un ottica di rinnovamento dei principali edifici scolastici comunali, del futuro possibile spostamento dell'attuale scuola elementare Laini nel nuovo complesso oggetto della discussione, riportando la scuola media Catullo nello spazio dove si trova attualmente una volta che lo stabile verrà ricostruito, e per finanziare tale ricostruzione vendere ai privati l'area occupata oggi dalla Laini stessa.

In sede di Consiglio abbiamo ripreso questo passaggio sottolineando come a nostro avviso sia arrivato il momento di superare definitivamente l'approccio che prevede la cessione di spazi pubblici per realizzare nuove case e ricavare i fondi necessari alla costruzione delle opere pubbliche, puntando invece a finanziare questi interventi attraverso altri strumenti, come bandi e finanziamenti nazionali o europei.

E' ora di chiudere il capitolo della svendita del patrimonio comune per realizzare opere ed investimenti, si inizi a guardare oltre e a studiare nuovi sistemi e nuovi strumenti per far crescere la città in modo più sostenibile.


- siamo poi intervenuti sul punto relativo alla Legge Regionale N.18/2019: INTERVENTI SUL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE, con cui il comune regolerà la possibilità dei soggetti privati proprietari di aree o edifici degradati sul territorio di riqualificarli accedendo a due forme di incentivo ovvero la riduzione degli oneri di urbanizzazione e la possibilità di un incremento di volumi in deroga alle regole previste dal PGT.

Relazione_legge_regionale
.pdf
Download PDF • 1.62MB
Mappa
.pdf
Download PDF • 7.12MB

Abbiamo chiesto chiarimenti in sede di commissione per accertarci che questi strumenti, in particolare il possibile aumento di volumi edificabili, non potessero dare luogo in complessi di dimensioni già importanti alla nascita di veri e propri ecomostri, anche in zone particolarmente pregiate del nostro territorio.

I vincoli imposti e le limitazioni alle deroghe dovrebbero limitare fortemente la possibilità che ciò accada, vigileremo.

Tuttavia riteniamo, in analogia a quanto detto nel punto precedente, che questo approccio che prevede il costante aumento dei volumi edificati e quindi del carico abitativo su sistemi spesso già saturi o al collasso debba essere accantonato, favorendo altre tipologie di incentivo e di leva per favorire il recupero di aree già urbanizzate ma degradate.

Per esempio si potrebbero rendere più semplici o ridurre i vincoli paesaggistici che riguardano l'installazione di impianti di produzione di energia rinnovabile, fotovoltaico ma non solo, oppure sgravare l'utente dai costi necessari per il corretto allacciamento alle reti fognarie o ai vari sottoservizi, scoraggiando allo stesso tempo gli allacciamenti abusivi o non a norma.

Continuare a dare spazio all'aumento indiscriminato dei volumi edificati, anche se apparentemente non comporta costi diretti per le casse comunali, produce in realtà una serie di costi indiretti a lungo termine per la collettività, per esempio in termini di maggior carico sui sottoservizi, fognature in particolare, o di maggior inquinamento dell'aria attraverso il traffico veicolare e il riscaldamento delle abitazioni.


- infine avremmo voluto intervenire sull'ultimo punto all'ordine del giorno, riguardante la DISCUSSIONE SU TEMATICHE LEGATE ALLE ATTIVITA' DELL'OSPEDALE DI DESENZANO DEL GARDA, DEL TRASFERIMENTO DEL PRESIDIO VILLA DEI COLLI DI LONATO A PREVALLE E RIFLESSI SUL TERRITORIO, il cui inserimento era stato richiesto da noi e altri consiglieri di minoranza.

relazione odg ospedale
.pdf
Download PDF • 349KB

Purtroppo l'orario e alcune limitazioni all'utilizzo della piattaforma per la videoconferenza hanno reso necessario il rinvio del punto al prossimo Consiglio Comunale, confidiamo il più presto possibile.



3 visualizzazioni0 commenti

Movimento 5 Stelle Desenzano del Garda

"Il Movimento 5 Stelle Desenzano punta a rinnovare lo scenario politico locale. Per farlo ci poniamo come promotori di un nuovo modo di fare politica “dal basso”, che sia espressione di una vera democrazia partecipativa. I cittadini, a nostro parere, devono essere informati e resi partecipi, avendo la possibilità di intervenire nel merito delle decisioni che li riguardano."

  • Grey Facebook Icon

© 2023 by Extreme Blog. Proudly created with Wix.com

  • Black Facebook Icon
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now